FoxAnimation  

Il primo ministro canadese Justin Trudeau è apparso nei Simpson

di - | aggiornato

Il primo ministro canadese fa la sua comparsa nei Simpson: a prestargli la voce, però, è stato un giornalista ed imitatore.

4 condivisioni 0 commenti

Condividi

I Simpson hanno dato il benvenuto ad un altro politico illustre tra le guest star della serie. Dopo tutta una serie di presidenti degli USA, da George W. Bush a Donald Trump passando per Barack Obama, la sitcom animata più amata al mondo ha accolto anche il primo ministro canadese Justin Trudeau.

Figlio d'arte, il leader del Partito Liberale canadese è comparso in D'oh Canada, 21esimo episodio della 30esima stagione dei Simpson. Ricordiamo che la serie ha più volte visto i protagonisti fare una capatina in quelle latitudini, prese di mira con la classica ironia pungente ogni qual volta si è presentata l'occasione. 

La carrambata di Trudeau nei Simpson

In questo episodio dei Simpson, il 660esimo complessivamente parlando, il primo ministro canadese Justin Trudeau fa la sua comparsa in un sogno ad occhi aperti di Lisa: la secondogenita di casa Simpson, nell'occasione, scambia un paio di chiacchiere con il liberale chiedendogli anche scusa per il tweet d'offesa di Donald Trump, che dopo il G7 aveva apostrofato Trudeau come un debole.

Segue un siparietto tanto comico quanto assurdo, con il politico che si esibisce in una posizione di yoga prima di sparire. Un'apparizione fugace, ma che segna comunque un importante ingresso tra le guest star della serie. La voce del primo ministro, però, non è quella originale: nonostante un invito da parte degli autori dei Simpson, che gli avevano proposto di doppiare se stesso, Trudeau ha cordialmente optato un rifiuto. A dar voce al personaggio, dunque, ci ha pensato Lucas Meyer, giornalista ed imitatore del premier canadese.

Vota anche tu!

Ricordate le altre avventure canadesi della famiglia Simpson?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Le polemiche a seguito di D'oh Canada

L'episodio in questione, comunque, ha fatto scaturire non poche polemiche sia in Canada che negli Stati Uniti: chiara, infatti, è stata la critica a seguito dell'utilizzo della parola newfie, giudicata offensiva per le popolazioni delle isole di Terranova e Labrador.

Il tutto, poi, sarebbe stato amplificato dalla scena che teoricamente avrebbe dovuto rappresentare una sorta di condanna allegorica alla caccia alle foche, con Ralph che colpisce ferocemente un peluche raffigurante il suddetto animale urlando una frase che ha fatto infuriare parecchie persone.

Io sono un newfie!

Da quelle parti, d'altronde, il termine newfie viene utilizzato soprattutto con accezione dispregiativa, per definire qualcuno un idiota oppure un folle. Tutta questa storia, neanche a dirlo, ha scatenato un vero e proprio putiferio sui social, tra chi condannava la scelta e chi, invece, ne aveva colto la tagliente ironia. E voi, che idea vi siete fatti sulla questione?

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.