FOX

10 libri (e qualche fumetto) da non perdere a aprile 2019

di - | aggiornato

Aprile 2019 porterà in libreria un'infornata di nuove indagini poliziesche, un romanzo fantascientifico pluripremiato e tantissime novità stuzzicanti: ecco i 10 libri e qualche fumetto in arrivo in libreria da non perdere.

La madre di Elio legge Sony Classics

18 condivisioni 0 commenti

Condividi

Dopo qualche mese di latitanza, le detective stories, i thriller e il giallo d'autore tornano prepotentemente alla ribalta tra le novità letterarie del mese, per la gioia degli appassionati. Se negli ultimi mesi narrativa di grido, letteratura contemporanea e romanzi di genere avevano fatto la parte del leone, è tempo di risvegliare il vostro investigatore interiore con un'infornata di titoli gialli molto interessanti in arrivo sugli scaffali delle librerie.

È arrivato aprile con il suo tempo ballerino, le prime gite fuori porta ma anche i pomeriggi uggiosi da trascorrere a casa o nei caffè, in compagnia di un buon libro fino al ritorno del sereno. Nel settore editoriali intanto è incominciata la grande stagione fieristica italiana: dopo gli appuntamenti di Book Pride a Milano, Più libri più liberi a Roma e in vista del Salone del Libro di Torino (per cui è già scattato il conto alla rovescia), il mercato delle acquisizioni è in gran fermento. In attesa di scoprire cosa ci riserveranno i prossimi mesi, aprile porterà nelle librerie un grande romanzo SFF vincitore dello premio Hugo, il ritorno di China Miéville con una sua recente fatica e grandi autori internazionali in spolvero come Manuel Puig e l'eterno George Simenon.

Ecco i 10 libri (e qualche fumetto) da leggere ad aprile 2019.

Libri 

1 - La quinta stagione 

Fino a pochi mesi da l'arrivo in Italia della premiatissima trilogia della Terra Spezzata era (purtroppo) un affare per pochi irriducibili lettori di fantasy e fantascienza. A cambiare le carte in tavola è stato soprattutto lo sbarco della collana Oscar Vault di Mondadori - che ospiterà l'intera trilogia nei prossimi mesi - su Instagram, un social network ormai cruciale per le vicende e i successi editoriali nostrani e internazionali. Grazie a un sapiente lavoro di battage mediatico (che è forse mancato a proposte SFF altrettanto valide pubblicate da Mondadori negli scorsi anni) stavolta è percepibile nell'aria l'attesa per uno dei grandi romanzi di genere che leggeremo quest'anno in traduzione italiana.

La copertina di La quinta stagione Mondadori
La copertina italiana di La quinta stagione

La campagna mediatica è del tutto giustificata dalla qualità del testo: il primo volume ha aperto una trilogia chiacchieratissima, l'unica capace di vincere il prestigioso premio Hugo come miglior romanzo per tre anni di fila, con tutti e tre i titoli che la compongono. Insomma, non è solo il romanzo del mese da non lasciarsi sfuggire: sarà uno dei titoli dell'anno. Stavolta vi fornisco solo un lieve accenno di trama, perché Mondadori sta pubblicando settimana dopo settimana i primi capitoli del libro, dando modo di testare la scrittura precisa e densa di pathos di N. K. Jemisin a tutti i suoi lettori.

La Quinta Stagione è la storia di tre donne d'età differenti che vivono in un supercontinente squassato da continui fenomeni sismici devastanti, tenuti a bada da una fetta ristretta della popolazione, discriminata dalla gente comune e controllata dal governo: gli orogeni, persone capaci di condizionare, scatenare o mitigare l'effetto delle scosse sismiche sulla faglia. L'edizione italiana, tradotta da Alba Mantovani, sarà disponibile a partire dal 30 aprile 2019

2 - L'uomo del censimento

Una piccola casa editrice nostrana si è invece accaparrata i diritti di un titolo recente a firma di grande autore noto a livello internazionale. L'uomo del censimento di China Miéville è una proposta di assoluto pregio, un romanzo breve ad opera di uno dei più apprezzati scrittori SFF viventi.

Anche questo tomo è stato candidato allo Hugo e ha irretito il pubblico grazie alla sua forte ambiguità di fondo. Se siete dei lettori amanti del mistero e degli enigmi da decifrare è decisamente il volume che fa per voi, ma chiunque non conosca ancora China Miéville grazie a Zona 42 potrà rimediare attraverso un breve saggio della sua maestria di scrittore, di certo meno impegnativo per mole di pagine e contenuti rispetto a molte sue opere precedenti. 

La copertina di L'uomo del censimentoZona 42
La copertina italiana di L'uomo del censimento

Altro elemento di pregio è la traduzione dell'opera, a cura di una firma autorevole come quella di Martina Testa. Il volume sarà disponibile sul finire di aprile 2019. Anche stavolta non accenno alla trama, perché sarà lo stesso autore China Miéville a presentarvela, in un video diffuso dalla casa editrice. 

3 - Mars Room

Ad aprile c'è un altro ritorno esplosivo ed è quello di Rachel Kushner. I lettori più assidui ricorderanno l'infuocato dibattito che aveva circondato I lanciafiamme (edito da Ponte alle grazie in Italia), un romanzo imponente in cui la scrittrice statunitense cercava di restituire un ritratto vivido e provocatorio degli anni '70 in Italia, suscitando non poco dibattito nel nostro Paese. Non va decisamente per il leggero nemmeno Mars Room, il suo nuovo romanzo edito in Italia da Einaudi con la traduzione di Giovanna Granato. 

La copertina di Mars RoomEinaudi
La copertina italiana di Mars Room

Ambientato nel 2003, Mars Room è un ritratto ironico e spietato della società statunitense divisa in classi e fasce di benessere...da dietro le sbarre di una prigione. La protagonista del romanzo Romy Hall è costretta a lasciare i ricordi San Francisco e il figlio per scontare due condanne a vita dietro le sbarre, in una costante lotta per la sopravvivenza insieme a migliaia di detenuti. Romy è finita in carcere per motivi inizialmente poco chiari, che hanno a che fare con la morte di un uomo al Mars Room, il locale di spogliarelliste in cui la donna lavorava. 

4 - Il castello invisibile 

Un'uscita molto interessante di DeA Planeta è Il castello invisibile di Mizuki Tsujimura, libro dedicato ai più giovani che affronta un argomento che affolla le cronache e preoccupa anche i più grandi: quello della solitudine e dell'isolamento dei ragazzi. Al centro di questo romanzo giapponese c'è infatti una ragazzina di nome Kokoro, che pian piano si chiude in sé stessa e nella sua cameretta, incapace di comunicare il suo disagio e di aprirsi al mondo esterno. Tra le quattro mura della sua stanzetta si nasconde però un segreto: uno specchio misterioso, che la porterà in una dimensione fantastica, popolata da altri ragazzi che come lei hanno perduto qualcosa, messi alla prova da una misteriosa ragazzina con la maschera da lupo. 

La copertina di Il castello invisibile DeA Planeta
La copertina italiana di Il castello invisibile 

Il romanzo a tema hikikomori è una delle prove più recenti di Tsujimura, autrice specializzata nel mystery per adulti e ragazzi. Con questo titolo ha conquistato il Japan Booksellers' Award, poco prima di vincere il prestigioso premio Naoki. Tradotto da Bruno Forzan, il volume sarà disponibile dal 16 aprile 2019.

5 - L'orso e l'usignolo

Fanucci invece pubblica il primo romanzo di una trilogia molto attesa anche in Italia: quella di La notte dell'inverno, scritta da Katherine Arden. La protagonista del primo tomo è una ragazzina di Vasya che, dopo la morte della madre, cresce in un piccolo villaggio sperduto tra le nevi e le foreste russe, percorso tanto dagli abitanti umani come da creature invisibili e spiriti domestici. Solo Vasya può vederli e interagire con loro, almeno fino a quando il padre non la costringe a trasferirsi con lui a Mosca per risposarsi. La matrigna - che la prende subito in antipatia - condivide lo stesso dono, che però da devota cristiana considera una sventura. 

La copertina di L'orso e l'usignoloFanucci
La copertina italiana di L'orso e l'usignolo

L'esordio di Katherine Arden ha impressionato critica e pubblico per maestria e ricerca storica: l'ambientazione russa e il folklore correlato sono frutto di una minuziosa ricerca da parte dell'autrice, decisa a ricreare un'atmosfera fiabesca e senza tempo ma storicamente molto accurata. Se avete amato Cuore Oscuro, se amate i libri dai contorni fiabeschi o siete interessati alla cultura russa, è decisamente il titolo che fa per voi. La traduzione è ad opera di Maria Teresa De Feo e il romanzo è è disponibile dal 3 aprile 2019.

6 - Allegro con fuoco

L'autrice è un biglietto da visita perfetto per il libro nel caso di Allegro con fuoco. Vi segnalo questo titolo di non fiction edito da UTET dopo averlo scoperto quasi per caso, grazie a una provvidenziale ospitata della giovane direttrice d'orchestra e autrice del tomo a Quante Storie, il breve programma di libri che conduce quotidianamente Corrado Augias. Bella, determinata, chiarissima e appassionante: grazie alle descrizioni e riflessioni di Beatrice Venezi, la musica classica e l'opera danno questa sensazione. 

La copertina di Allegro con fuocoUTET
La copertina del saggio Allegro con fuoco

Allegro con fuoco è insomma un agile saggio introduttivo al mondo della musica classica, percepita come più respingente, polverosa e di ardua comprensione. Con una serie di spunti e capitoli tratti dal mondo della lirica e dei grandi compositori per orchestra, se ne spiegano contenuti e caratteristiche, collegando i classici immortali composti secoli fa a temi attualissimi, emancipatori, sorprendenti. Per non lasciarsi più intimidire dalla musica nella sua forma più alta e sublime. 

7 - Il detective Kindaichi

Tradotto da Francesco Vitucci e approdato a inizio aprile in libreria grazie a Sellerio, Il detective Kindaichi è il primo gioiello investigativo in uscita ad aprile che ci tengo a segnalarvi. Si tratta del primo romanzo con protagonista l'investigatore più famoso di Yokomizo Seishi, scrittore giapponese la cui produzione è ricca di gialli, mystery e romanzi a carattere storico. Scritto nel 1946, il romanzo segnò l'esordio dell'autore, noto anche per aver scritto il primo romanzo vampiresco della tradizione giapponese. 

La copertina di Il detective KindaichiSellerio
La copertina italiana di Il detective Kindaichi

Se amate il giallo tradizionale all'inglese o al contrario le atmosfere altrettanto tradizionali dei dipinti ukiyo-e, è decisamente il libro che fa per voi ad aprile. Si tratta infatti in un elaborato mistero intorno a un delitto nella stanza chiusa, un topos del genere: un cadavere viene rinvenuto in una stanza sbarrata e chiusa a chiave, rendendo così impossibile capire non solo chi sia l'assassino, ma anche come abbia lasciato il luogo del delitto. Suggestiva è anche l'atmosfera dello stesso: una villa in tipico stile giapponese, circondata dal paesaggio innevato. 

8 - Le sette morti di Evelyn Hardcastle

Un omicidio misterioso si compie ogni giorno alle undici di sera nel giardino di Blackheath House: la figlia dei proprietari Evelyn scivola nell'acqua fredda del laghetto, dopo essere stata colpita da un colpo di pistola. L'evento è reiterato, ripetuto ogni 24 ore, a coronare il ballo a cui sono invitati i membri dell'alta società inglese. Si tratta di un gioco crudele e senza fine: a porvi rimedio può essere solo Aiden Bishop, che potrà spezzare il giorno della marmotta omicida identificando il colpevole dell'omicidio, salvando Evelyn dalla sua morte quotidiana. Non sarà semplice farlo però: ogni giorno Aiden si risveglierà nel corpo di un convitato differente, incapace di fuggire dalla magione o di scoprire chi ci sia dietro questo piano macchiavellico. 

La copertina di Le sette morti di Evelyn HardcastleNeri Pozza
La copertina italiana di Le sette morti di Evelyn Hardcastle

Quello pubblicato da Neri Pozza è un caso editoriale, un esordio in giallo che ha appassionato i lettori inglesi con il suo enigma complesso e appassionante. Per celebrarne l'arrivo in Italia - con la traduzione di Federica Oddera - Neri Pozza ha organizzato per i suoi lettori anche una escape room dedicata alle sette morti di Evelyn: fino al 31 luglio 2019, presso la The Impossible Society in corso di Porta Ticinese a Milano, i lettori potranno prenotarsi per mettersi alla prova con gli enigmi del romanzo in prima persona. 

9 - Il castello dell'arsenico

Non si può parlare di giallo classico senza tirare in ballo il belga George Simenon, in questo caso tradotto da Marina Di Leo per la sua casa editrice storica, Adelphi. La sua prolificità senza parti lo ha portato, nel 1938 (anno mirabilis della sua produzione) a scrivere un paio di capolavori... e 5 racconti di omicidi e indagini, per distrarsi tra la stesura di un futuro classico e l'altro. A tenere insieme questi brevi storie investigative c'è un personaggio ricorrente della penna di Simenon, noto come "il dottorino". Il dottor Jean Dollent è un medico di campagna per professione, ma un investigatore per diletto. In Il castello dell'arsenico incappa di personalità bizzarre e classici del giallo d'antan: castelli diroccati, il più stereotipico dei veleni da romanzo, femme fatale, omicidi perfetti. 

La copertina di Il castello dell'arsenicoAdelphi
La copertina italiana di Il castello dell'arsenico

Se il lettore amante dei gialli avrà casi all'altezza della sua smania di risolvere omicidi e misteri, gli amanti della letteratura tout court troveranno nel volume una breve catalogo di uomini comuni con un briciolo di bizzarria: l'ossessione per le pantofole, la tremenda cotta per una sconosciuta, un cuoco di bordo che millanta un ammiragliato e tante altre bizzarre, splendide figure nate dalla penna dello scrittore belga. Il libreria dal 18 aprile 2019. 

10 - Palissandreide

Chiudo in bellezza con un romanzo folle, visionario e postmoderno, che attinge dall'epica come dalla spy story, con un tocco di distopia. A firmare questo libro vertiginoso è uno scrittore russo sconosciuto nel Bel Paese ma considerato tra i più rilevanti in patria: Saša Sokolov. Nel 1985 diede alle stampe questa visionaria epopea russa ambientata nel futuro ma popolata di personaggi storici chiave dell'URSS. La sfida è quella di raccontare l'imperialismo sovietico degli zar, ibridandolo con le ambizioni sovietiche da guerra fredda. 

La copertina di Palissandreide Atsmophere Libri
La copertina italiana di Palissandreide

Malcapitato eroe di questo romanzo è Palisandr Dal’berg, orfano che pagherà duramente l'aver causato attraverso un tiro mancino la morte di Stalin in persona durante l'era Bezvremen’e, "l'epoca Senzatempo" retta dal triumvirato di di Brežnev, Chrušcev, Andropov. Tra bordelli dentro monasteri, esili e congiure mistiche, Palissandreide è un libro che non manca certo di ambizione. Tradotto da Mario Caramitti, è edito da Atmosphere Books. 

Fumetti

1 - Underwater

Due veloci segnalazioni manga per aprile, ma di assoluta qualità. Per i lettori del fumetto orientale Yuki Urushibara non è certo un nome sconosciuto: l'autrice è nota anche nel Bel Paese grazie alla pubblicazione di Mushishi, un manga dai toni malinconici e misteriosi che affonda le sue radici nel folklore giapponese. 

La copertina di UnderwaterShowcase
La copertina italiana di Underwater

Grazie a Showcase a partire da aprile potremo leggere un'altra sua opera, il manga in due volumi Underwater. Pubblicato tra il 2009 e il 2010 sulla rivista Afternoon, Underwater è una storia dai toni malinconici che ruota attorno al tema del lutto e del ricordo, avendo come simbolo cardine l'acqua. Quella che manca in un'assolata cittadina giapponese che vive i razionamenti di acqua potabile e quella che continua a cadere dal cielo in un piovoso villaggio di montagna. Tramite tra i due luoghi è una ragazzina delle medie, Chinami, che poco a poco scoprirà il segreto (familiare) che la lega a questi luoghi. 

2 - Ayako 

Solo lo scorso mese vi ho consigliato Melmo, un delizioso volume unico ironico e dolce di Osamu Tezuka, il dio dei manga. Con la lettura di Ayako scoprirete un autore completamente differente, sferzante e durissimo nel tratteggiare i peggiori lati dell'animo umano. Composto da soli 3 volumi, è uno dei manga seinen più noti e apprezzati del maestro, noto per lo sguardo brutale e il piglio spregiudicato con cui racconta da un lato il bigottismo e l'ortodossia del mondo agreste, dall'altra avidità del regime capitalista che regna in città. 

La copertina di AyakoJ-Pop
La copertina di Ayako nell'edizione J-Pop

La storia giapponese e le contraddizioni sociali del Sol Levante fanno da sfondo agli scottanti segreti che nasconde la famiglia Tenge e che riguardano la piccola Ayako e il fratello di lei Jiro. Una lettura dura e appassionante, per scoprire uno dei lavori più forti di Tezuka. 

Condividi

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.