FOX

È morto Bud Luckey, il creatore dello Sceriffo Woody di Toy Story

Animatore, doppiattore, produttore: Bud Luckey si è spento all'età di 83 anni, lasciandoci in eredità tante memorie dell'infanzia.

Bud Luckey e lo Sceriffo Woody

52 condivisioni 0 commenti

Condividi

Forse non tutti lo sanno, ma Bud Luckey era una grande parte dell'infanzia di molte generazioni.

Il disegnatore e doppiatore statunitense è morto il 24 febbraio 2018 a Newtown, in Connecticut, all'età di 83 anni. Nella sua lunga carriera, Luckey aveva collaborato a molti dei progetti animati più apprezzati degli ultimi decenni.

In primo piano, c'è un onore: l'aver curato il design di Woody, lo sceriffo-giocattolo protagonista dell'amata saga di Toy Story, di cui realizzò oltre 200 versioni diverse. E poi c'era una voce: quella dell'asino Ih-Oh di Winnie the Pooh, che ha doppiato a partire dal 2011.

Ma questi non sono che due dei molti contributi che Luckey aveva offerto al mondo dell'intrattenimento, e in particolare a quello per bambini. Negli anni '70, dopo aver lavorato come animatore a The Alvin Show, prima serie animata con i chipmunks, iniziò una lunga collaborazione con lo show educativo Sesame Street (noto in Italia anche come Sesamo apriti), con protagonisti i simpatici Muppet. Fu inoltre produttore della serie degli anni '90 dedicato alle tartarughe ninja.

La fine degli anni '80 lo vide tra le prime reclute degli studi Pixar, per cui lavorò nel ruolo di animatore, character designer e storyboard artist.

Mi piace pensare che 30 anni fa, usavano l'animazione per insegnare ai bambini i numeri, e adesso quegli stessi bambini stanno insegnando a me come animare le cose usando i numeri.

Tra i progetti di Luckey si possono listare A Bug's Life, Monsters, Inc. e Cars, ma anche il cortometraggio Boundin', proiettato nelle sale prima de Gli Incredibili e di cui Luckey curò tutto: copione, regia e doppiaggio. Quest'ultimo - la storia di una pecora che perde la fiducia in sé stessa dopo essere stata tosata - valse a Luckey una nomination agli Oscar 2013 come Miglior corto animato, e una vittoria gli Annie Award nella stessa categoria. Potete vederlo di seguito.

Luckey non si risparmiò nemmeno come doppiatore, specie dopo essersi ritirato dall'attività di animatore nel 2008. Oltre ai personaggi già citati, prestò la voce anche all'agente dell'NSA Rick Dicker ne Gli Incredibili e al Clown Chuckles in Toy Story 3.

Ad annunciare la morte di Luckey è stato il figlio Luke, che in una dichiarazione ufficiale a The Hollywood Reporter ha confermato che il padre è morto dopo una lunga malattia.

Condividi

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.